MRold-30.jpeg

Programma 2021

Tante novità per la 1+0 edizione

del Festival Montagne Racconta

SABATO

17 LUGLIO

ore 10.30

Racconti dal laboratorio di narrazione

a cura di Francesco Niccolini e Saverio La Ruina. Storie itineranti. Parte prima - In cammino

Scoiattolo e Leo di e con Roberto Capaldo

Crape de legn di e con Federica Molteni

Manù e Michè di Francesco Niccolini con Simone Guerro

Passeggiata con pranzo al sacco. Prenotazione obbligatoria tramite Eventbrite.

Costo 10 €. Per info Thomas: 334 3182777

ore 15.00

Racconti animati per bambini

La regina del bosco di e con Riccardo Benetti

In un bosco lontano, ma tanto lontano, è in corso una strana riunione, le sorti di tutti i suoi abitanti sono in gioco… La vecchia quercia deve decidere a chi lasciare il suo regno, ma la scelta è difficile: forse non tutti lo sanno, ma gli alberi, tanto quanto gli uomini e gli animali, sono diversi tra loro e tutti hanno i loro pregi ed i loro difetti. Un viaggio per sorridere, stupirsi e per conoscere la magia che avvolge le piante e gli animali attorno a noi e l’importanza che da sempre hanno avuto per l’uomo.

ore 18.30

Racconti dal laboratorio di narrazione

a cura di Francesco Niccolini e Saverio La Ruina. Parte seconda - L’orto

 

     

Ho baciato più Maria di qualunque altra persona di e con Mila Boeri

Pesce rosso di e con Giulia Vannozzi

Cara Penelope di e con Ra!aella Giancipoli

ore 19.00

Dalle ore 19.00 cena in piazza a Larzana con Foiade e Tortei di patate 

     

ore 21.30

Masculo e fiammina di e con Saverio La Ruina

Obbligatoria prenotazione online su Eventbrite - Ingresso 7 €

Per info Thomas 334 3182777

L’idea di base è che un uomo semplice parli con la madre. Una madre che non c’è più. Lui la va a trovare al cimitero. Si racconta a lei, le confida con pacatezza di essere omosessuale, “o masculu e flammina cum’i chiam visi tu”, l’esistenza intima che viveva e che vive. Non l’ha mai fatto, prima. Certamente questa mamma ha intuito, ha assorbito, ha capito tutto in silenzio. Senza mai fare domande. Con infinito, amoroso rispetto. Arrivando solo a raccomandarsi, quando il figlio usciva la sera, con un tenero e protettivo “Statti att antu”. Ora, per lui, scatta un tipico confessarsi del sud, al riparo dagli imbarazzi, dai timori di preoccupare. Forse con un piccolo indicibile dispiacere di non aver trovato prima, a tu per tu, l’occasione di aprirsi, di cercare appoggio, delicatezza. E a"orano memorie e coscienze di momenti anche belli, nel figlio, a ripensare certi rapporti con uomini in grado di dare felicità, un benessere che per  invariabilmente si rivelava e"mero, perch  le cose segrete nascondono mille complicazioni, destini non facili, rotture drammatiche. Nei riguardi di quella madre, pur cos  affettuosa e misteriosamente comprensiva, si percepisce comunque qualche rammarico, qualche mancata armonia. Ma tutto è moderato, fatalistico, contemplativo. In un meridione con la neve, tra le tombe, finalmente con la sensazione d’essere liberi di dire.

In caso di maltempo, gli spettacoli saranno annullati.

Si ringraziano tutti coloro che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione.

Programma 
1+0° Festival Montagne Racconta

a Tre Ville (TN) - Fraz. Montagne